Il Blasone De Sousa Fontes

La successione più diretta dell’Ordine del Tempio fondato da Fabré-Palaprat rimane nella branca belga che nel 1894 creò a Bruxelles la “Segreteria internazionale dei Templari”.

Nel 1942 Emile Clément Joseph Isaac Vandenberg, Gran Priore del Belgio, trasferì gli archivi dell’ordine OSMTJ a Porto in Portogallo, e li affida a Antonio Campello Pinto de Sousa Fontes (1878-1960), ultimo erede di una genealogia neo-templare che risale ai tempi della Rivoluzione francese. Antonio Sousa Fontes dopo la morte di Vandenberg divenne il nuovo “gran maestro”.

Nel 1948 Antonio Campello de Sousa Fontes designò il figlio Fernando Pinto Pereira de Sousa Fontes a succedergli il quale alla morte del padre nel 1960 divenne il “principe reggente” e “gran maestro” dell’OSMTH (1929-2018).

Tra i vari Ordini neotemplari è soprattutto quello portoghese dei Sousa Fontes ad aver assicurato per 70 anni una diffusione internazionale, con la presenza di “Priorati” nazionali dell’Ordo Supremus Militaris Templi Hierosolymitani in quasi tutti i paesi dell’Europa e del Sud America.

Il 50° Gran Maestro dell’Ordine Don Antonio Campello Pinto de Sousa Fontes (dal 1942 al 1960)

Il 51° Gran Maestro dell’Ordine Dom Fernando Pinto Pereira de Sousa Fontes (dal 1960 al 2018)

Il 50° Gran Maestro Antonio Campello Pinto de Sousa Fontes con il figlio Fernando Pinto Pereira de Sousa Fontes, 51° Gran Maestro dell’Ordine

Dom Fernando Pinto Pereira de Sousa Fontes con la moglie Dona Maria da Gloria Figuiredo

La figlia Maria Suzana Sendim Figuefredo Pinto de Fontes, per espresse volontà testamentarie attuale Principessa Reggente dell’Ordine

Il 51° Gran Maestro stringe la mano a Dom Albino Neves, che designerà come suo successore

Curriculum Vitae di Don Fernando

 

Articolo di giornale sulla famiglia de Sousa Fontes

I Sousa Fontes ad una cerimonia dell’Ordine

Immagini di archivio

Immagini di archivio